per gli attori

farvi conoscere

Conoscervi è il nostro mestiere.
Quindi siamo sempre lieti di incontrarvi.
Per cominciare inviateci una mail con foto e cv all’indirizzo

[email protected]  completando la mail col vostro

  1. nome e cognome
  2. indirizzo
  3. data di nascita e
  4. altezza.

Verrete inseriti nel nostro data base e, possibilmente , chiamati per un incontro.

Non inviate materiale cartaceo e sopratutto non inviare mai raccomandate.

Vi preghiamo di evitare di telefonarci, se non è proprio necessario. Ci piacerebbe avere tempo di fare una chiacchierata ma di solito – per nostra e vostra fortuna – quel tempo ci manca. Siate comprensivi.

Infine: se ci invitate a vedere un vostro spettacolo, ci farà piacere e faremo il possibile per venire. Se però non ci riusciamo, non vogliatecene .…

 

Lo SHOW REEL

E’ molto utile, soprattutto per presentarvi ai registi .
Se lo avete, fatecene avere una copia.

 

I PROVINI – CONSIGLI

Il provino è un momento fondamentale del vostro lavoro. Nel 90 % dei casi un attore non conosciuto può ottenere una parte solo facendo un buon provino.

Ma spesso anche a un attore noto può venir chiesto di fare un provino, perché il provino non serve soltanto a dimostrare che un attore è bravo, ma anche a vedere se un attore è giusto per interpretare un determinato ruolo.

E’ molto importante capire tutti questi fattori e rendersi conto che il provino non è un “esame”, ma un momento fondamentale nella costruzione di un personaggio.

Quindi bisogna affrontare un provino con serenità e se non si viene scelti non bisogna assolutamente viverlo come una sconfitta o un’umiliazione. Prendete un provino come un utile esercizio e fatene una esperienza divertente.

 

Vediamo ora qualche consiglio pratico per affrontare il provino nel migliore dei modi.

L’’ABC

Spengete il cellulare.

Non entrate masticando la gomma

Non presentatevi al provino accompagnati da un vostro collega che volete proporre per una parte.

Quando fate un provino dovete credere a quello che state facendo, ci dovete mettere l’’anima, dovete emozionare.

Imparate bene le battute.

Non presentatevi mai a un provino dicendo che non avete potuto prepararvi perché avete lavorato fino a tardi o avete avuto il mal di denti o il vostro cane è scappato o che so io. Piuttosto, se non vi sentite pronti, pregate il vostro agente di spostarvi l’’appuntamento.

Se avete imparato bene le battute e la scena vi è diventata familiare, potrete lavorare meglio con il corpo e con l’’atteggiamento.

Una volta imparato bene il testo, rilassatevi e smettete di preoccuparvi per le battute. Non succede niente se le modificate leggermente, l’’importante è che siate padroni del personaggio e della scena.

Siate preparati a cambiare l’’interpretazione del personaggio: per un regista è molto importante vedere se un attore riesce a seguire le sue indicazioni.

Non fate seimila domande, ma chiedete invece le cose che veramente vi possono aiutare a fare un buon provino. Ad esempio: chiedete dove rivolgere lo sguardo. In un provino di cinema di solito è sbagliato guardare in macchina, mentre in un provino di pubblicità lo sguardo in macchina è quasi sempre richiesto, perché l’’attore si deve rivolgere all’’ipotetico consumatore.

Se non vi viene espressamente richiesto, non tenete il viso basso e lo sguardo a terra. Ricordatevi che chi guarderà il provino deve poter vedere la vostra faccia.

Se una cadenza dialettale non è espressamente richiesta, cercate di dimostrare che le vostre lezioni di dizione sono servite a qualcosa.

Attenzione ai piani di ascolto! Possono dire moltissimo sulla vostra bravura.

Ricordatevi che durante un provino il casting director è sempre il vostro alleato. E’’ nel suo interesse presentare bravi attori e, soprattutto, trovare ’quello giusto per i ruolo.

Prima di fare commenti o smorfie, aspettate lo stop che indica la fine della ripresa.

Dopo aver fatto un provino, non fate cambiamenti nel vostro aspetto fisico prima di sapere il risultato.

 

L’’ABBIGLIAMENTO

Come indicazioni di base è bene tenere presente che il provino non è un ballo in maschera, ma che è anche bene non vestirsi in maniera completamente contrastante con il personaggio.

L’’INGLESE

Tasto dolente: l’’inglese. Si lavora sempre di più con co-produzioni girate in lingua inglese; per un attore sta diventando indispensabile conoscere questa lingua.

Google+